Altro

'Lo ha fatto!' Morgan Freeman ha accusato la morte della nipote dopo che l'assassino ha ricevuto una condanna a 20 anni

Il fidanzato della nipote di Morgan Freeman è stato condannato a 20 anni di prigione, ma la famiglia dell'imputato afferma che è stata tutta colpa di Morgan che sia stata uccisa.

E'Dena Hines è stata assassinata nell'agosto 2015 fuori dal suo appartamento di New York, dove viveva con il suo ragazzo, Lamar Davenport.



Secondo il procuratore distrettuale di Manhattan Cyrus R. Vance Jr., Davenport lo era condannato a 20 anni di carcere dopo essere stato condannato per omicidio colposo.

Testimoni dell'odioso crimine affermano che Davenport ha pugnalato ripetutamente la povera vittima mentre urlava di religione. Secondo lui, stava scacciando i demoni che possedevano l'attrice.



Mentre le accuse sono state ritirate per omicidio di secondo grado dopo che l'avvocato di Davenport ha sostenuto che in quel momento era drogato, è stato invece ritenuto colpevole di omicidio di primo grado.

Nuovi dettagli sono emersi che durante la condanna, la furiosa madre di Davenport ha rivelato ai giornalisti alcune informazioni inquietanti mentre venivano portate fuori dal tribunale.

'Morgan Freeman l'ha molestata e ha causato questo. Lo ha fatto. È innocente! È stato un incidente!'



La notizia di un presunta relazione tra Morgan Freeman e la sua nipote fu presentata alla corte, tuttavia, a causa della mancanza di prove, fu lasciata cadere.

'E'Dena Hines ha rivelato a Lamar Davenport e ad altri che suo nonno ha avuto una relazione sessualmente inappropriata con lei.'

Hines aveva già confutato queste affermazioni con la stampa e ha cercato di mettere le cose in chiaro mentre era ancora viva.

“Queste storie su di me e mio nonno non sono solo vere, ma fanno anche male a me e alla mia famiglia. I recenti resoconti di qualsiasi matrimonio in sospeso o relazione romantica tra me e chiunque sono invenzioni diffamatorie da parte dei media scandalistici progettati per vendere documenti. '

Davenport fu arrestato sulla scena del crimine e accusato di omicidio. Sosteneva la sua affermazione di essere sotto l'influenza di droghe in quel momento e che non l'avrebbe uccisa altrimenti.