Popolare

Ecco il significato del primo tatuaggio che Michael J. Fox ha ottenuto all'età di 57 anni

Michael J. Fox, meglio conosciuto per aver interpretato il ruolo di Marty McFly nella trilogia di 'Ritorno al futuro', ha ottenuto il suo primo tatuaggio all'età di 57 anni e il design dell'inchiostro ha una storia significativa dietro.

Michael J. Fox è stata una parte attiva del settore dell'intrattenimento per oltre quattro decenni.



È considerato un'icona dei film di fantascienza grazie al suo ruolo in 'Ritorno al futuro'E ha vinto cinque premi Primetime Emmy e quattro premi Golden Globe per il suo lavoro sul grande e piccolo schermo.

Michael J. Fox at the 61st Primetime Emmy Awards held at the Nokia Theatre on September 20, 2009. | Photo: GettyImages

Michael J. Fox al 61 ° Primetime Emmy Awards tenutosi al Nokia Theater il 20 settembre 2009. | Foto: GettyImages

Ora 58 anni - il suo compleanno è stato a giugno— Fox può dire di avere una vasta gamma di esperienze di vita che molte persone potrebbero invidiare, ma non è stato fino a gennaio 2019 che ha osato fare qualcosa che la maggior parte della gente ha vent'anni: farsi un tatuaggio .



Ecco cosa ha spiegato sull'esperienza.

LA STORIA DIETRO IL DESIGN

Fox si è fatto tatuare il 9 gennaio a Bang Bang New York, una delle principali saloni di tatuaggi a Manhattan, spesso visitata da listener A come Justin Bieber, Demi Lovato e Rihanna.

Il disegno a inchiostro nero - una tartaruga marina che attraversa cinque cerchi - è stato creato dall'artista di linea sottile Mr. K in consultazione con Michael circa un mese e mezzo prima del giorno in cui si è fatto il tatuaggio.



Visualizza questo post su Instagram

Primo tatuaggio, tartaruga marina, lunga storia

Un post condiviso da Michael J Fox (@realmikejfox) il 9 gennaio 2019 alle 12:49 pm PST

Bang, il proprietario del salotto, spiegato a Inked Magazine ciò che Fox gli ha detto sulla motivazione alla base del design:

“Mi stava dicendo che c'era una trasformazione per lui nelle sue decisioni di carriera quando stava nuotando a Saint John. Individuò questa tartaruga con un pezzo mancante dalla sua pinna e una cicatrice sul viso. E quella tartaruga lo ha lasciato nuotare con lui per circa mezz'ora.

Ha preso una decisione trascendente subito dopo. Quindi quella tartaruga era abbastanza significativa per lui. '

Michael J. Fox attends the Wizard World Comic Con Philadelphia on June 4, 2016. | Photo: GettyImages

Michael J. Fox partecipa al Wizard World Comic Con Philadelphia il 4 giugno 2016. | Foto: GettyImages

SULLE PAROLE PROPRIE DI MICHAEL

In un'intervista a Fortune, Michael approfondito un po 'di più nella storia.

Spiegò che l'incontro con la tartaruga ebbe luogo nel 1999, nel 2000, e che la decisione trascendente che prese fu quella di iniziare il Fondazione Michael J. Fox per la ricerca sul Parkinson, una malattia che lo colpisce da quando aveva 29 anni.

Fox ha anche detto che i cinque cerchi rappresentano i cinque decenni è stato vivo, aggiungendo che la tartaruga rappresenta anche 'l'idea di emergere e entrare in qualcosa di nuovo in ogni momento'.

Michael J. Fox attends red carpet for the Tribeca Talks - Storytellers - 2019 Tribeca Film Festival at BMCC Tribeca PAC on April 30, 2019. | Photo: GettyImages

Michael J. Fox partecipa al tappeto rosso per i Tribeca Talks - Storytellers - Tribeca Film Festival 2019 al BMCC Tribeca PAC il 30 aprile 2019. | Foto: GettyImages

VIVERE CON PARKINSON

A Michael J. Fox fu diagnosticata la malattia di Parkinson per la prima volta nel 1991, ma attese altri sette anni per condividere la notizia con il pubblico.

All'epoca, ricopriva un ruolo ricorrente nei panni di Mike Flaherty in 'Spin City' della ABC, ma dovette annunciare il suo momentaneo ritiro dall'interruzione dei sintomi.

'Se lo accetto e lo riconosco, lo guardo e ne sono onesto, e dico' Questo è quello che è '... posso tenerne traccia' Fox disse del suo modo di affrontare la malattia. E continua:

'Se non lo riconosco e non lo accetto, è solo questa striscia amorfa di sostanza appiccicosa che penetra in ogni fessura della mia vita e confonde le cose.'

Sebbene Michael ha affrontato il Parkinson per gran parte della sua vita, è orgoglioso di se stesso essere in grado di camminare e parlare, che gli permette di essere sotto i riflettori ancora difendendo la sua causa.

Comunque lui ammette ci sono stati alcuni contrattempi e sebbene il Parkinson 'non raggiunga ogni parte della mia vita', influisce certamente su 'il modo in cui mi muovo, il modo in cui cammino ... ho perso una certa spontaneità. Ci sono perdite. '

LA FONDAZIONE MICHAEL J. FOX

Fino ad oggi, la Fondazione Michael J. Fox ha investito $ 900 milioni per ricercare la malattia di Parkinson, quasi abbinando le spese del governo degli Stati Uniti destinate alla stessa causa.

Michael J. Fox at the SHOWTIME And HBO VIP Pre-Fight Party for

Michael J. Fox alla festa pre-combattimento di SHOWTIME e HBO VIP per 'Mayweather VS Pacquiao' all'MGM Grand Hotel & Casino il 2 maggio 2015. | Foto: GettyImages

Il New York Times ha definito la fondazione 'la voce più credibile sulla ricerca del Parkinson nel mondo' e, secondo il loro sito Web, l'obiettivo della fondazione è mettersi fuori dal mercato trovando la cura per il Parkinson.

Una delle innovazioni della fondazione ha funzionato direttamente con i pazienti e le loro famiglie valutando rischi, opportunità e sfide attraverso un obiettivo focalizzato sul paziente.

'I pazienti di Parkinson, siamo gli esperti di ciò che abbiamo', Fox ha spiegato. 'Abbiamo una responsabilità in quanto pazienti: se ci aspettiamo che queste persone facciano ciò di cui abbiamo bisogno, devono essere pienamente informate sulla nostra esperienza, su ciò che funziona con noi, su ciò a cui rispondiamo, su ciò che può contribuire'.

Michael J. Fox on the red carpet of A Funny Thing Happened On The Way To Cure Parkinson

Michael J. Fox sul tappeto rosso di Una cosa divertente è successo sulla strada per curare il Parkinson a beneficio della Fondazione Michael J. Fox il 10 novembre 2018. | Foto: GettyImages

Uno di iniziative chiave hanno sviluppato Fox Insight, uno studio clinico online del Parkinson che ha raccolto dati e persino test genetici da oltre 30.000 persone completando una serie di sondaggi sulla loro storia medica e familiare e sulla vita quotidiana con la malattia.

Fox, che sperava di trovare una cura nei primi dieci anni di fondazione, di recente detto il New York Times che dopo 20 anni e senza risultati, ha ancora speranza.

'I trattamenti possono fare un'enorme differenza nella vita delle persone', egli disse. 'Ora, se siamo in grado di impedire profilatticamente i sintomi del Parkinson di svilupparsi in una persona, è una cura? No. Lo prenderei? Sì.'