Tv

Come la star di 'Starsky & Hutch' Paul Michael Glaser ha superato la perdita della sua prima moglie e figlia

Paul Michael Glaser, l'attore noto come detective David Starsky nello show degli anni '70 “Starsky & Hutch”, ha perso la sua prima moglie e figlia in AIDS entro sei anni.

Nato nel marzo del 1943, La carriera di attore di Glaser iniziò a Broadway negli anni '60. Successivamente, ha iniziato a lavorare su serie TV popolari come 'The Waltons', 'Kojak', 'The Streets of San Francisco' e 'The Rockford Files'.



'In qualche modo metti un piede di fronte all'altro e lo attraversi.'

Paul Michael Glaser on September 23, 2017 in Los Angeles, California | Source: Getty Images

Paul Michael Glaser il 23 settembre 2017 a Los Angeles, California | Fonte: Getty Images

La carriera di Paul Michael Glaser

Fu nel 1975 che è salito alla celebrità grazie allo spettacolo 'Starsky & Hutch'. Il progetto ABC è stato trasmesso dal 1975 al 1979, per un totale di quattro stagioni e 93 episodi.

La serie TV d'azione ha seguito le vite di due investigatori della polizia della California meridionale: Starsky (interpretato da Glaser) e Hutch (interpretato da David Soul). Hanno combattuto il crimine attorno alla fittizia Bay City in California.



Quando il suo tempo nello show è finito, ha continuato a lavorare nel settore dello spettacolo e ha anche lavorato come regista in diversi progetti, tra cui il film del 1987 'The Running Man' e il film del 1992 'The Cutting Edge'.

A parte questo, ha diretto alcuni episodi di serie TV molto popolari, tra cui 'Miami Vice', 'Robbery Homicide Division' e 'Judging Amy'.

David Soul and Paul Michael Glaser on the set of

David Soul e Paul Michael Glaser sul set di 'Starsky And Hutch' intorno al 1978 | Fonte: Getty Images



Affrontare la morte di due membri della famiglia

Sebbene la sua carriera abbia avuto molto successo, la sua vita personale è stata piuttosto difficile poiché ha vissuto due delle peggiori cose della vita di una persona: la morte di sua figlia e moglie, rispettivamente.

La prima moglie di Paul Michael Glaser fu Aids attivista Elizabeth Meyer. La coppia si è sposata nel 1980 e, solo un anno dopo, hanno accolto il loro primo figlio, Ariel, nel mondo.

Sfortunatamente, le condizioni di Meyer si sono complicate e hanno dovuto ottenere un trasfusione di sangue per salvare sia la sua vita che quella del suo bambino non ancora nato. Ciò che nessuno sapeva, tuttavia, era che era contaminato dall'HIV.

A peggiorare le cose, Meyer non sapeva che aveva contratto la malattia fino a cinque anni dopo. A quel punto, aveva inconsapevolmente passato il virus su Ariel attraverso il latte materno e suo figlio Jake, che era nato nel 1984, mentre era in utero.

Creazione della Fondazione per l'AIDS pediatrico

Purtroppo, le uniche droghe sul mercato per combattere la malattia all'epoca erano destinate agli adulti, quindi Ariel alla fine morì nel 1988 a sette anni.

Poco dopo, Meyer e le sue amiche Susan DeLaurentis e Susie Zeegen hanno co-fondato la Fondazione per l'AIDS pediatrico.

Meyer non riusciva a vedere quanto sarebbe diventata importante la sua fondazione, sfortunatamente, come lei ha perso la sua battaglia con AIDS nel 1994. Per onorare il suo retaggio, la fondazione fu ribattezzata Elizabeth Glaser Pediatric AIDS Foundation.

Dopo la morte di Ariel e Meyer, Glaser, che non ha mai contratto la malattia grazie a un 'gene mutante raro che resiste al virus ', era pieno di' rabbia, rabbia e senso di colpa 'che non poteva fare nulla per fermarlo.

Far fronte alla sua perdita

Anche se inizialmente avrebbe chiesto 'perché io?' le sue domande alla fine diventarono più scure: 'perché non io?' L'attore ha anche ammesso che nei suoi momenti più bui, 'probabilmente ha pensato di metterlo fine'. Glaser disse quello,

“Niente di sensato, neanche quello. L'ho paragonato a essere un soldato in Vietnam. In qualche modo metti un piede di fronte all'altro e lo attraversi. '

Alla morte di Meyer, Glaser si manteneva molto attivo nel settore dell'intrattenimento e si batteva anche per la fondazione. L'attore ha ammesso di aver combattuto quel lungo e doloroso viaggio per venire a patti con il suo dolore.

Ad un certo punto, gli scrittori lo hanno avvicinato per creare la sua autobiografia, ma il dolore era così forte che era impossibile rivisitare quei giorni bui.

Pubblicare un libro per aiutare gli altri

Nel 2011, tuttavia, ha scritto e pubblicato da solo un romanzo fantasy intitolato 'Chrystallia e la fonte di luce', Che ha definito una' autobiografia metaforica '. Secondo Glaser, il il libro è,

'Su una ragazza adolescente e suo fratello di nove anni la cui mamma sta morendo, in un viaggio in un mondo sotterraneo in cui tutti e tutto è fatto di cristalli e minerali, alla ricerca della fonte di luce.'

Paul Michael Glaser and son Jake on October 23, 2016 in Culver City, California | Source: Getty Images

Paul Michael Glaser e figlio Jake il 23 ottobre 2016 a Culver City, California | Fonte: Getty Images

L'attore ha ammesso che riconoscere la paura che lo ha colpito quando si è reso conto che non poteva fare nulla per prevenire la morte o sapere cosa viene dopo gli ha insegnato ad essere compassionevole di se stesso. L'intenzione di Glaser con il suo libro è di aiutare anche gli altri a trovare compassione.

Al momento, sta ancora lavorando come autore e nel settore dello spettacolo. L'ultimo programma televisivo a cui ha partecipato è stata la quinta stagione di 'Grace and Frankie', pubblicata nel 2019. Jake, suo figlio, continua a lavorare con la fondazione.

Ⓘ Le informazioni contenute in questo articolo non intendono sostituirsi a consulenza, diagnosi o trattamento medico professionale. Tutto il contenuto, incluso il testo e le immagini contenuti o disponibili tramite questo NEWS.AMOMAMA.COM è solo a scopo di informazione generale. NEWS.AMOMAMA.COM non si assume alcuna responsabilità per le azioni intraprese a seguito della lettura di questo articolo. Prima di intraprendere qualsiasi corso di trattamento, consultare il proprio medico.