Storie ispiratrici

Il povero autista dimostra amore al capo salvandola in una tempesta di neve, poi si presenta nel suo reparto - Storia del giorno

Un povero guidatore è perdutamente innamorato del suo ricco capo e le dimostra il suo amore salvandola durante una terribile tempesta di neve. Riconoscerà finalmente i suoi sentimenti dopo averli sempre rifiutati?

Alice aveva deciso di trovarsi un uomo ricco e devoto quando aveva perso sua madre a 12 anni. Suo padre era troppo preoccupato per i suoi affari, quindi è stata cresciuta da una tata più anziana, che l'aveva sempre amata.



Ma la vita aveva insegnato ad Alice che i soldi non erano tutto. Potrebbe fornirti la casa migliore, vestiti costosi e una vita comoda, cosa che lei desiderava moltissimo. Ma non potrebbe mai convincere le persone ad amarti sinceramente.

  Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

A 33 anni, quando Alice gestiva già gli affari del suo defunto padre, sentendosi finanziariamente sicura e cercando il suo principe azzurro per sistemarsi, usciva solo con uomini ricchi.



I ragazzi erano, beh, signori che tenevano aperta la portiera della macchina quando andavano a prenderla per un appuntamento e le aprivano la sedia quando arrivavano al ristorante. Ma poi sarebbe arrivato lo champagne e avrebbero iniziato a parlare della... sua ricchezza e dei suoi affari.

Alice era stanca che gli uomini fossero interessati ai suoi affari ma non a lei. Così ha deciso di prendersi un po' di tempo per rilassarsi e visitare la foresta invernale in periferia, fotografare il paesaggio e vivere con il suo hobby.

'Temo che in questo caso dovremo saltare l'incontro con gli investitori tedeschi. Dovevo accompagnarti in ufficio in macchina domani mattina presto,' le ricordò il suo autista mentre andava a prenderla dopo un altro appuntamento senza successo.



'Se ne occuperà il signor Ferguson', disse all'autista. 'Domani partiamo da casa mia alle 2.'

  Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

'Ti suggerirei di riconsiderare la cosa, Alice. Voglio dire, so che non spetta a me consigliarti qualcosa, ma so che eri entusiasta dell'accordo...'

'È il mio lavoro, e lo so meglio, Tom!' disse seccamente. 'Domani devi venirmi a prendere alle due, e questo è tutto ciò di cui dovresti preoccuparti!'

Il giorno successivo, Tom andò a prendere Alice a casa sua alle 14:00 in punto. Notò che sembrava sconvolta mentre si sistemava in macchina, ma non disse nulla anche se avrebbe voluto.

L'amore e la famiglia sono i più grandi tesori della vita.

Tom aveva cinque anni più di Alice ed era follemente innamorato di lei. Era il ragazzo che poteva spostare le montagne e abbattere i cieli per lei, ma Alice non lo avrebbe mai accettato perché non era ricco. Quindi, anche se sapeva dei suoi sentimenti, scelse di ignorarli.

'Suppongo che dovremmo tornare in città, Alice,' disse Tom qualche chilometro prima della loro destinazione. 'Il tempo è brutto e c'è un avviso di tempesta di neve.'

'Non è che non ne abbiamo mai sperimentato uno prima', disse casualmente, assorta nel suo telefono. 'Continua a guidare.'

  Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Stava diventando più scuro. Tom notò alberi caduti lungo l'autostrada principale e le strade erano tutte rese scivolose da spessi strati di neve. A un certo punto voleva voltarsi e tornare in città. Ma prima è successo qualcosa e l'auto si è fermata. Tom ci ha provato, ma il motore si è rifiutato di avviarsi.

'Resta dentro,' disse ad Alice. 'Vado a controllare.'

Tom afferrò la torcia e scese, solo per rendersi conto che avrebbero dovuto portare l'auto a riparare. Quando Tom si guardò intorno, non riuscì a vedere altro che alberi. Erano quasi nel bosco quando l'auto si è rotta.

'Qual è il problema?' chiese Alice mentre scendeva, tirandosi il cappotto più vicino a sé.

«Qualche problema con il motore, immagino», disse Tom. 'Devo portarlo in una stazione di servizio.'

'Posso controllarne uno sul mio telefono', ha detto. Ma non c'era servizio.

'Il mio è morto', disse Tom, tirando fuori il telefono. 'Facciamo una cosa. Tu rimani in macchina e io vado a guardarmi intorno.'

  Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

«No, vengo con te» disse.

'Non essere sciocco. Qui fuori si gela, e non so quanto tempo ci vorrà prima che trovi aiuto. Rimani dentro la macchina.'

'Non credo di dover prendere ordini da te, Tom!' disse ostinatamente mentre gli afferrava la torcia e iniziava a camminare verso il bosco. Sospirò e la seguì.

Non sarebbero passati più di 20 minuti quando Alice non poteva più camminare e tremava. La tempesta di neve era finalmente arrivata.

'Io... io non posso camminare,' disse debolmente, afferrandogli il braccio. 'Qui si gela.'

'Te l'avevo detto che era una cattiva idea!' gridò, togliendosi la giacca e mettendogliela sulle spalle. 'Ti riportiamo alla macchina, va bene?'

'Ma dobbiamo trovare un aiuto!' protestò. 'Dovremo continuare a camminare! Dobbiamo camminare!'

'Smettila, Alice!' la rimproverò dolcemente. 'Ascoltami per una volta! Ti prego!'

  Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Tom riportò Alice alla macchina e la coprì con la sua giacca. Ma aveva ancora freddo, quindi si è persino tolto la maglietta e l'ha avvolta intorno a lei prima di chiuderla sul sedile posteriore dell'auto.

Tom vagava nel bosco con un paio di pantaloni e un giubbotto, e stava parzialmente morendo a causa delle raffiche fredde e gelide della tempesta di neve. Ma continuò a camminare e camminare finché arrivò a una casetta di legno a pochi chilometri di distanza.

La sua pelle era di un azzurro pallido, e tutto il suo corpo sembrava ormai senza vita. 'Io... ho bisogno di aiuto,' riuscì a dire alle persone gentili che lo accolsero dentro. 'C'è una macchina e una donna... ho parcheggiato...' E poi fu tutto nero.

Quando Tom ha aperto gli occhi, non era più nel bosco. Vide deboli pareti blu intorno a lui e Alice... seduta accanto a lui in quello che sembrava un camice da ospedale.

'Cos'è successo? Cosa ci facciamo qui?' chiese, e vide che Alice stava piangendo.

  Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

'Mi... mi dispiace tanto, Tom. È stata tutta colpa mia. Grazie per avermi salvato la vita. Ero così spaventata...' Prima che finisse la frase, lo abbracciò e iniziò a singhiozzare come una bambina.

Le guance di Tom erano rosse e non capiva bene cosa stesse succedendo finché un medico non gli disse che lui e Alice erano stati portati in ospedale dalla gente del posto. Alice e Tom erano crollati a causa del freddo, ma le condizioni di Tom erano gravi a causa del clima gelido.

'Sai una cosa, Tom,' gli disse Alice mentre il dottore se ne andava. 'Sei sempre stato lì per me, a differenza dei ragazzi a cui importava solo dei miei soldi. So che questo potrebbe non essere il momento migliore, ma mi vuoi sposare?' chiese, sfilandosi l'anello di sua madre dall'indice.

'Il tempismo sembra sbagliato, l'anello sembra sbagliato, e so di aver sbagliato a non apprezzare mai i tuoi sentimenti... Ma so di aver trovato l'uomo giusto. L'uomo che mi ama e si preoccupa sinceramente per me. Mi vuoi sposare, Tom?'

Tom non riusciva a credere a quello che stava succedendo, ma disse di sì, e si tenevano vicini e si scambiavano un bacio appassionato mentre lui giaceva sul letto d'ospedale.

Un mese dopo, si sono finalmente sposati, prendendo i voti e promettendo di invecchiare insieme. Tom ha continuato a lavorare come autista di Alice, ed erano felici, molto felici.

  Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Solo a scopo illustrativo. | Fonte: Pexels

Cosa possiamo imparare dalla storia?

  • L'amore e la famiglia sono i più grandi tesori della vita. Sebbene Alice non avesse carenza di ricchezze, non ha mai avuto una famiglia che l'amasse, cosa che ha realizzato dopo la morte di sua madre.
  • L'amore genuino non fallisce mai. Tom amava sinceramente Alice e un giorno Alice ha dovuto riconoscere e apprezzare i suoi sentimenti per lei.

Condividi questa storia con i tuoi amici. Potrebbe illuminare la loro giornata e ispirarli.

Se ti è piaciuta questa storia, potrebbe piacerti Questo su un autista di autobus che ha salvato una bambina di 5 anni in una tempesta di neve, solo per scoprire che sua madre era priva di sensi dopo un incidente a un miglio di distanza.

Questo pezzo è ispirato a storie della vita quotidiana dei nostri lettori e scritto da uno scrittore professionista. Qualsiasi somiglianza con nomi o luoghi reali è puramente casuale. Tutte le immagini sono solo a scopo illustrativo. Condividi la tua storia con noi; forse cambierà la vita di qualcuno. Se desideri condividere la tua storia, inviala a info@vivacello.org .