Storie

John Amos sulla polemica che ha portato alla sua uscita da 'Good Times'

Anche se il suo lavoro si estende per cinquant'anni fino ad oggi, John Amos è principalmente ricordato per il suo ruolo di patriarca James Evans Sr. nella sitcom degli anni '70 “Good Times”, un ruolo che ha perso dopo la terza stagione della serie quando gli sceneggiatori si è stancato di affrontare il suo cattivo atteggiamento.

Quando 'Good Times' della CBS fu presentato per la prima volta l'8 febbraio 1974, la serie stabilì un precedente come la prima serie americana mai interpretata da una famiglia afroamericana con due genitori.



In confronto, 'Julia' del 1969 e 'Sanford & Son' del 1972 rappresentavano anche famiglie afroamericane, ma con genitori single e in difficoltà.

John Amos at the Althea screening and panel discussion on Oct. 5, 2015 in New York City | Photo: Getty Images

John Amos alla proiezione di Althea e alla discussione del panel il 5 ottobre 2015 a New York City | Foto: Getty Images

John Amos e i personaggi di Esther Rolle erano nella parte anteriore della famiglia Evans in 'Good Times', che interpretava anche Jimmie Walker nei panni di James Jr, alias 'J.J.' Bern Nadette Stanis come Thelma e Ralph Carter come Michael, i figli degli Evans.



IL CONFLITTO INTERNO IN “BUONI TEMPI”

Lo spettacolo, creato da Eric Monte e Mike Evans e prodotto da Norman Lear, non ha impiegato molto a diventare un successo e gli spettatori sembravano apprezzare particolarmente buffonate comiche del personaggio di Walker, J.J.

Ci sono voluti anni prima che Amos e Norman Lear si riconnettessero dopo essere stato licenziato, ma alla fine, l'attore ormai ottantenne afferma che Lear aveva capito che aveva ragione sulle sue lamentele, anche se la sua consegna non era delle migliori.

Photo of the Evans family from the television program

Foto della famiglia Evans dal programma televisivo 'Good Times' | Foto: Wikimedia Commons Images



Tuttavia, per Amos e Rolle - che hanno visto lo spettacolo come un'opportunità per rappresentare le vere lotte e il funzionamento interiore di una famiglia nera - la mancanza di ambizione di JJ nello spettacolo e il suo comportamento 'buffone', si sono allontanati dagli argomenti seri la serie si era occupata dall'inizio.

E anche se è stato allora che le differenze creative hanno dato il via all'animosità sul set, per Amos, quella era solo la punta dell'iceberg.

John Amos and Esther Rolle, for

John Amos ed Esther Rolle, per 'Good Times', 1974 | Foto: Wikimedia Commons Images

MANCANZA DI DIPLOMAZIA DI AMOS

Amos, che per la prima volta vinse la fama in 'The Mary Tyler Moore Show', iniziò a scontrarsi con gli scrittori di 'Good Times' perché credeva che, come uomini bianchi, non capivano come avrebbe agito un padre nero o cosa avrebbe fatto dire.

Amos di recente disse in un'intervista a Vlad TV che:

'La loro percezione o la loro idea di cosa sarebbe stata una famiglia nera e che cosa sarebbe stato un padre nero era totalmente diversa dalla mia, e la mia era immersa nella realtà'.

John Amos visits at SiriusXM Studios on October 10, 2017 in New York City | Photo: GettyImages

John Amos visita i SiriusXM Studios il 10 ottobre 2017 a New York City | Foto: GettyImages

Quindi, come J.J. fattore è entrato nel tavolo, le discussioni tra Amos e gli scrittori a volte sono diventate così intense che avrebbe fatto dillo agli scrittori: 'Andiamo fuori', poiché afferma di non essere il più diplomatico o diplomatico quando fa le sue lamentele.

La situazione divenne così grave per gli scrittori che Norman Lear decise che era meglio lasciar andare Amos.

'Immagino che si stancassero di aver minacciato le loro vite', ha scherzato su 'Dove sono adesso' di Oprah.

VITA DOPO LO SPETTACOLO

Subito dopo la fine della stagione 3 dello spettacolo, Amos ho ricevuto una chiamata da Norman Lear, che pensava fosse insolito dato che erano in pausa.

Disse Lear Amos aveva delle buone e cattive notizie: il bello era che lo spettacolo era stato scelto per la quarta stagione; la cosa brutta era che Amos non sarebbe stato lì per questo.

Amos, ovviamente, non ha supplicato o chiesto una spiegazione. “Sarei stato recalcitrante fino alla fine, sai? Non mi farai capovolgere e piangere per il lavoro ', lui ha spiegato.

John Amos of

John Amos di 'Men In Trees' interviene durante il tour stampa dell'Associazione dei critici televisivi estivi del 2007 per la ABC tenutosi presso l'hotel Beverly Hilton il 26 luglio 2007 | Foto: GettyImages

Subito dopo, Amos prenotato un viaggio in Liberia, in Africa, dove ha impiegato del tempo per 'decomprimere' e 'portare Hollywood fuori dal mio sistema'.

Successivamente, è tornato a T.V. come Ufficiale Bill Bundy in 'Future Cop' nel 1976 e l'anno successivo ha dato vita all'adulto Kunta Kinte nella miniserie del 1977 'Roots', per la quale ha ricevuto una nomination agli Emmy.

Gli anni seguenti è apparso in film e serie come 'Coming to America' ​​di Eddie Murphy, 'Die Hard 2', 'Il nuovo principe di Bel-Air', 'In The House', 'The West Wing' e 'All About the Anderson “.

Visualizza questo post su Instagram

Grazie per aver catturato tutte le splendide foto @ paulyfilms00! -J.A.

Un post condiviso da John Amos (@officialjohnamos) il 22 dic 2019 alle 2:19 PST

TORNA A 'BUONI TEMPI'

Ci sono voluti anni prima che Amos e Norman Lear si riconnettessero dopo essere stato licenziato, ma alla fine, l'attore ormai ottantenne afferma che Lear aveva capito che aveva ragione sulle sue lamentele, anche se la sua consegna non era delle migliori.

Hanno continuato a lavorare insieme su tre piloti della serie e lo scorso dicembre hanno sorpreso i fan dello show quando Amos ha preso parte nell'episodio speciale di 'Good Times' di 'Live in Front of a Studio Audience'.

Visualizza questo post su Instagram

OGGI CELEBRA L'80 ° COMPLEANNO DELL'ATTORE LEGGENDARIO JOHN AMOS️ Lascia un commento o una menzione. Condivideremo il maggior numero possibile. - TEAM JA

Un post condiviso da John Amos (@officialjohnamos) il 27 dic 2019 alle 5:25 PST

Amos ha interpretato il ruolo di Assessore Fred Davis, un politico in corsa per la rielezione contro un candidato più giovane.

Nell'episodio, c'era tensione tra la famiglia Evans quando James e J.J. schierarsi dalla parte dell'Assessore, mentre Florida e Thelma scelgono il giovane avversario.

Amos descritta l'esperienza di ricongiungimento con Lear e ritorno allo spettacolo come 'meraviglioso', e lui confessato versò alcune lacrime 'perché tutte le ferite erano state guarite'.

'Ero così felice perché ammettiamolo, l'uomo [Lear] ha cambiato il volto della televisione [...] Abbiamo iniziato a fare una programmazione più significativa su tutta la linea', ha aggiunto.

Amos è ora impostato su riprendere il suo ruolo nel ruolo di Cleo McDowell nel prossimo film 'Coming 2 America', che uscirà nel corso dell'anno.