Storie di ispirazione

La madre vede la piccola figlia portare il cibo da scaricare dopo la scuola e la segue: la storia del giorno

La famiglia di Suzanne si trasferiva spesso ed era stanca di non avere amici. Ma un giorno, sua madre, Oona, la vide lasciare la scuola con un sacco di cibo e dirigersi verso la discarica. Decise di seguirla, solo per scoprire qualcosa di sorprendente.

'Mamma, posso prendere un cucciolo?' chiese Suzanne a Oona durante la cena, ed entrambi i suoi genitori alzarono gli occhi dai loro piatti sorpresi.



'Un cucciolo? Tesoro, non credo che sia possibile in questo momento', ha risposto, guardando suo marito con un sorriso storto.

'Suzanne, non sappiamo dove sarò assegnato dopo. Non è conveniente spostarsi con un cucciolo al seguito', ha risposto suo padre, Adam. Era nell'esercito e veniva trasferito spesso. Erano in Virginia, ma era solo questione di tempo prima che si trasferissero altrove.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel



'Ma almeno un cucciolo sarebbe mio amico. Non stiamo mai in un posto abbastanza a lungo per farmi degli amici', si lamentò la figlia, appoggiando la testa sulla mano mentre cenava con l'altra.

Suzanne cadde con il sedere per lo shock della chiamata di sua madre e, all'improvviso, Oona vide il motivo per cui sua figlia si era chinata.

'So che è dura, tesoro. Ma forse quando le cose si sistemeranno più tardi,' suggerì Oona, toccando leggermente il braccio di sua figlia per comodità. Adam rimase in silenzio mentre mangiava e Suzanne sapeva che l'argomento era finito. Non stava prendendo un cucciolo.

***



Passarono settimane dopo quella conversazione e Oona si sentì male perché Suzanne diventava ogni giorno più cupa. Forse un altro tipo di animale domestico come una tartaruga o un pesce l'avrebbe tirata su di morale, poiché non richiedevano le stesse cure di un cucciolo. Ci stava pensando mentre andava a fare la spesa e ha deciso di andare a prendere sua figlia a scuola per parlargliene.

Mentre Oona si avvicinava alla scuola, vide Suzanne uscire, quindi le suonò il clacson. Ma sua figlia non l'ha vista. Oona si accigliò e la vide allontanarsi dalla direzione generale della loro casa, il che era strano. Suzanne non aveva nessun posto dove andare.

Poi Oona ha notato che stava trasportando una borsa con quello che sembrava un contenitore per il cibo. Anche quello era strano. Per quanto ne sapeva, i bambini non potevano prendere gli avanzi della mensa e non aveva visto Suzanne prendere un contenitore da casa sua.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Suzanne era ignara della presenza di sua madre, quindi Oona decise di fare un'inversione a U e seguirla. All'inizio pensò di fermare del tutto Suzanne. Ma la madre si è incuriosita. Voleva sapere esattamente dove stava andando Suzanne.

Ha rallentato la sua macchina e l'ha seguita da lontano, osservando sua figlia mentre svoltava verso una strada che portava alla discarica locale.

'Cosa potrebbe fare lì?' si chiese Oona, accigliata. Ma l'orrore le è apparso sul viso pensando che potesse essere il luogo in cui i bambini cattivi bazzicavano. 'Oh no.'

Ha accelerato un po' e alla fine ha parcheggiato la macchina davanti alla discarica. Suzanne era entrata e Oona era corsa verso la discarica per trovare sua figlia e proteggerla dall'influenza dannosa di alcuni tipi di bambini.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Tuttavia, è rimasta sorpresa nel vedere di nuovo Suzanne. Era piegata verso qualcosa che Oona non poteva vedere.

'Suzanne!' Oona ha chiamato. La sua paura per sua figlia era evidente nella sua voce.

Suzanne cadde con il sedere per lo shock della chiamata di sua madre e, all'improvviso, Oona vide perché sua figlia si era chinata. Diversi cuccioli erano intorno al contenitore del cibo, mangiando ciò che Suzanne aveva portato loro.

'Mamma! Che ci fai qui?' chiese sua figlia, con gli occhi sbarrati. Ma non si sentiva affatto in colpa, solo sorpresa.

'Oh, caro. Sono venuta a prenderti a scuola e ho suonato il clacson, ma tu continuavi ad andartene. Mi sono incuriosita, quindi ti ho seguito. Mi dispiace tanto, ma ho iniziato ad andare nel panico pensando che uscivi con cattivi bambini, e io... siamo venuti in tuo soccorso', ha detto Oona, piegando le proprie ginocchia accanto a Suzanne e guardando i cuccioli.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Fortunatamente, sua figlia ha riso. 'Mamma, è così divertente', ha iniziato. 'L'altro giorno sono andato in questa direzione e un cucciolo si è avvicinato a me, ma l'ho spaventato e l'ho seguito. Poi ho visto tutti questi cuccioli. Quindi ho chiesto alle signore della mensa eventuali avanzi, e sono state così gentili da dammi un contenitore'.

'Oh tesoro. Sei il bambino più dolce del mondo.'

'Non sono più un bambino'.

'Lo so.'

'Quindi... possiamo aiutarli, mamma? Non voglio lasciarli in questa discarica. Non credo che abbiano una mamma', chiese Suzanne, storcendo la bocca pensierosa.

'Ok, penso di avere una scatola vuota nel mio camion. Raccogliamo i cuccioli e portiamoli in un rifugio', suggerì Oona, facendo sorridere vivacemente Suzanne.

Hanno messo i cuccioli al sicuro in una scatola e si sono diretti al rifugio più vicino che sono riusciti a trovare. Gli assistenti erano amichevoli e Oona si offrì di pagare tutte le vaccinazioni e le cure veterinarie.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Unsplash

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Unsplash

'Cosa accadrà loro?' chiese Suzanne all'impiegata del rifugio.

'Ci prenderemo cura di loro e li metteremo in adozione. Ma non preoccuparti, i cuccioli di solito vengono adottati rapidamente'. La giovane adolescente sorrise, ma Oona vide la sensazione agrodolce dipinta chiaramente sul viso di sua figlia.

La madre si stava mordendo il labbro inferiore, pensando che suo marito non ne sarebbe stato molto contento, ma non poteva più sopportare la tristezza negli occhi di Suzanne. 'Possiamo portarne uno a casa?'

'Certo! Anche se dovresti candidarti come tutti gli altri. Ma posso aggiungere una nota che li hai portati tu. C'è un tempo di attesa mentre i cuccioli vengono microchippati e controllati. Ma dovrebbe essere un processo facile', ha risposto il dipendente e andò a prendere loro le scartoffie.

'Veramente?' chiese Suzanne con totale meraviglia.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Oona poteva solo annuire mentre sua figlia adolescente l'avvolgeva forte tra le braccia, esprimendo quanto questo significasse per lei.

Come previsto, Adam non ne era troppo entusiasta. Ma una volta che il cucciolo - Sansa - è arrivato a casa loro, è stato attratto da lei. Quella piccola creatura ha migliorato le loro vite e il giovane adolescente non era più solo.

Cosa possiamo imparare da questa storia?

  • È essenziale ascoltare i tuoi figli e cercare di soddisfare le loro esigenze. Suzanne ha detto ai suoi genitori che era sola, ma Oona e Adam non l'hanno presa sul serio a causa della realtà della loro vita nomade. Solo quando Suzanne ha trovato dei cuccioli per farle compagnia, si sono resi conto di quanto fosse importante ascoltare i bisogni della figlia.
  • Un animale domestico può cambiarti la vita; a volte, anche le persone che non li vogliono finiscono per innamorarsi. La loro famiglia era più felice dopo aver adottato un cucciolo, anche il padre riluttante, che inizialmente non voleva adottare un cane.

Condividi questa storia con i tuoi amici. Potrebbe illuminare la loro giornata e ispirarli.

Se ti è piaciuta questa storia, potrebbe piacerti Questo di una madre che ha deciso di seguire la figlia quando è uscita di casa a tarda notte.

Questo pezzo è ispirato alle storie della vita quotidiana dei nostri lettori e scritto da uno scrittore professionista. Qualsiasi somiglianza con nomi o luoghi reali è puramente casuale. Tutte le immagini sono solo a scopo illustrativo. Condividi la tua storia con noi; forse cambierà la vita di qualcuno. Se desideri condividere la tua storia, inviala a info@vivacello.org.