Popolare

La Toya Jackson ha condiviso le rare foto della mamma Katherine per la festa della mamma

La Toya Jackson è andata su Instagram per onorare sua madre, Katherine Jackson, con un adorabile messaggio per la festa della mamma. Il post arriva nel mezzo della controversia che circonda la famiglia Jackson dopo che il documentario 'Leaving Neverland' è andato in onda il mese scorso.

La Toya Jackson si sono assicurati di celebrare la festa della mamma con un post commovente con la mamma Katherine. In essa, ha condiviso due foto con la matriarca della famiglia, dimostrando che col passare del tempo, la signora Jackson rimane in bilico ed elegante come sempre.



La Toya Jackson visits

La Toya Jackson visita 'Extra' a Times Square il 3 settembre 2013. | Foto: GettyImages

'Buona festa della mamma alla madre più incredibile del mondo !!! Ti vogliamo bene mamma! #MothersDay #MothersLoveIsReal ”, La Toya ha sottotitolato il post.

I fan dei Jacksons hanno riempito la sezione dei commenti di elogi Signora Katherine, come un utente che ha scritto:



'È così regale e bella. La adoriamo SEMPRE !!!, ”

Katherine Jackson enters the Los Angeles County courthouse for the arraignment of Dr. Conrad Murray on January 25, 2011. | Photo: GettyImages

Katherine Jackson entra nel palazzo di giustizia della contea di Los Angeles per l'accusa del dott. Conrad Murray il 25 gennaio 2011. | Foto: GettyImages

e un altro quello aggiunto,



“Buona festa della mamma alla famiglia Matriarca di Jackson! È una donna così forte e nutriente, e merita tutto l'amore che le viene incontro. Siete così fortunati da averla ancora con voi. Per favore, continua a sorvegliarla fisicamente e spiritualmente. '

Visualizza questo post su Instagram

Buona festa della mamma alla madre più incredibile del mondo !!! Ti vogliamo bene mamma! #MothersDay #MothersLoveIsReal #moms #CallMom #SundayMorning # Thoughtsday Thoughts #life #love #latoyajackson #grateful #SundayFunday

Un post condiviso da La Toya Jackson (@latoyajackson) il 12 maggio 2019 alle 10:30 PDT

ASSEGNAZIONI DI ABUSO BAMBINO

Il post è arrivato in mezzo allo scandalo che circonda la famiglia dopo che un nuovo documentario chiamato 'Leaving Neverland' ha rivelato nuovi accuse di abuso di minori contro il compianto cantante Michael Jackson.

Nella serie, Wade Robson e James Safechuck, che hanno conosciuto Michael fin dalla tenera età, affermano che 'Smooth Criminal' li ha molestati sessualmente in momenti separati quando erano bambini.

“Questi bambini saranno sfregiati da questo per il resto della loro vita. Non voglio vedere altri bambini innocenti colpiti in questo modo ', ha detto LaToya.

La famiglia Jackson ha negato le accuse, e ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che il film è stato 'un altro rifacimento di accuse datate e screditate', definendolo 'l'ennesima produzione lurida in un oltraggioso e patetico tentativo di sfruttare e incassare Michael Jackson'.

Michael Jackson with 10 year old Jimmy Safechuck on the tour plane on 11th of July 1988. | Photo: GettyImages

Michael Jackson con Jimmy Safechuck di 10 anni sull'aereo del tour l'11 luglio 1988. | Foto: GettyImages

La tenuta di Jackson e la Optimum Productions HBO citato in giudizio e la sua società madre, Time Warner, per $ 100 milioni, sostenendo che la decisione della rete di trasmettere il documentario ha violato una clausola di non denigrazione.

I fratelli di Michael, Tito, Marlon, Jackie e i suoi nipote Taj, difeso lui in un'intervista alla CBS 'This Morning' il mese scorso. Hanno nuovamente negato le affermazioni, ma hanno ammesso di non aver ancora visto il documentario.

LE VECCHIE DICHIARAZIONI DI LA TOYA SU MICHAEL

La Toya, d'altra parte, è rimasta in silenzio sulle accuse, che hanno portato i fan a scoprire filmati del cantante che pubblicamente chiamava suo fratello un pedofilo nei primi anni '90.

'Non posso e non sarò un collaboratore silenzioso dei suoi crimini contro i bambini piccoli e innocenti', La Toya disse in una conferenza stampa di Tel Aviv l'8 dicembre 1993. All'epoca, Michael era stato indagato dopo che il tredicenne Jordan Chandler aveva affermato che la pop star lo aveva molestato.

Michael Jackson and LaToya Jackson during the evidentiary hearing in the Michael Jackson child molestation case August 16, 2004. | Photo: GettyImages

Michael Jackson e LaToya Jackson durante l'udienza probatoria nel caso di molestie su minori di Michael Jackson il 16 agosto 2004. | Foto: GettyImages

La Toya, che all'epoca era estranea alla sua famiglia, disse che non aveva mai visto suo fratello impegnarsi in comportamenti inappropriati con i bambini, ma ammise che sua madre una volta le mostrò due assegni per 'somme molto grandi' fatte alle famiglie di bambini che avrebbe 'sleepovers' con Michael.

“Ora ti fermi e pensi per un secondo, e mi dici, quale uomo di 35 anni prenderà un bambino e starà con lui per 30 giorni? E prendere un altro ragazzo e stare con lui per cinque giorni in una stanza e non lasciare mai la stanza? ” lei disse, chiedendo il buon senso al pubblico. E continua:

“Quanti di voi là fuori hanno 35 anni? Quanti prenderebbero i bambini piccoli e lo farebbero? Che hanno 9, 10, 11 anni? Adoro mio fratello, ma è sbagliato. Non voglio vedere ferire questi bambini '.

La Toya Jackson Attends

La Toya Jackson partecipa al Photocall 'Per sempre' a Madrid. | Foto: GettyImages

La Toya ha anche ammesso di essere una vittima di abusi sessuali per mano di suo padre, Joseph Jackson, affermando che è la ragione per cui stava parlando a nome dei bambini.

Lei disse:

“Questi bambini saranno sfregiati da questo per il resto della loro vita. Non voglio vedere altri bambini innocenti colpiti in questo modo. Amo moltissimo Michael, ma mi dispiace per questi bambini perché non hanno più una vita. Non lo fanno. '

Anni dopo, La Toya avrebbe ritirato le sue dichiarazioni, sostenendo di essere convinta a farle dal suo allora marito Jack Gordon, che accusava di manipolarla emotivamente e di farla rivoltare contro la sua famiglia.

Alla fine si è arresa con la famiglia e con Michael ed è stata lì per lui mentre stava affrontando un processo per ulteriori accuse di abuso di minori nel 2004.