Storie di ispirazione

Little Boy si perde durante una gita scolastica, la madre scopre che è stato visto l'ultima volta sotto il ponte con Gang - Storia del giorno

Durante una gita scolastica, l'insegnante di Michael non lo ha visto allontanarsi e avvicinarsi a un artista di strada. Quindi lo lasciò accidentalmente e non se ne accorse molto più tardi. La polizia è stata chiamata e ha trovato Michael, ma quando sono arrivati ​​sulla scena, il ragazzo li ha scioccati.

'Tutti, di nuovo sull'autobus!' La signora Collins ha chiamato tutti i suoi studenti. Erano tutti studenti di quarta elementare ed erano attualmente in gita scolastica da Baltimora a Washington D.C. Avevano visto luoghi storici come il Monumento a Washington e il Lincoln Memorial, ma era ora di tornare in hotel, dove sarebbero rimasti per la notte e avrebbero continuato le loro visite il giorno successivo.



Sfortunatamente, la signora Collins non ha visto che uno dei suoi studenti, Michael, è stato distratto da un artista di graffiti locale e si è allontanato dal gruppo. Gli studenti partirono per l'hotel senza Michael sull'autobus e la signora Collins non ne aveva idea.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Nel frattempo, il ragazzo adorava guardare l'artista dipingere.



Luci rosse e blu illuminavano l'intera area. Il ragazzo era stato così preso dai suoi pensieri che non aveva sentito le sirene assordanti delle auto della polizia.

'Come lo fai?' Michael ha chiesto all'artista. 'Dove hai imparato?'

L'artista si rivolse al ragazzo, alzando le sopracciglia e alzando le spalle. 'Ho imparato da alcuni amici e mi ispiro alla vita', disse e sorrise a Michael. 'Come ti chiami, ragazzo?'

'Io sono Michael. E tu?'



'Jerry. Vuoi provare?'

'SÌ!' il bambino di quarta elementare ha quasi urlato e ha afferrato il barattolo di vernice. Ha dipinto una parte significativa del muro con la guida di Jerry e ha sorriso alla fine. 'Questo è bellissimo!'

'Hai talento, ragazzo.' L'artista annuì e si guardò intorno. 'Allora, da dove vieni? Dov'è tua madre?'

'Oh, sono in gita scolastica. Il mio insegnante è laggiù -' il ragazzo si voltò e improvvisamente si rese conto che i suoi compagni di classe e l'insegnante erano spariti. Ha allungato il collo ed è rimasto scioccato dal fatto che anche l'autobus fosse andato. 'Se ne sono andati!'

Michael iniziò a farsi prendere dal panico, ma Jerry gli diede una pacca sulla spalla, esortandolo a calmarsi. 'Calmati, ragazzo. Sai dove vivi?'

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

'Vengo da Baltimora. Siamo in gita scolastica. Ho il mio indirizzo di casa', ha detto Michael, prendendo un pezzo di carta dalla sua scarpa, che sua madre aveva messo lì nel caso fosse successo qualcosa.

'Oh, conosci il loro numero di telefono?' Jerry continuò, guardando l'indirizzo.

'No! Possiamo chiamare la polizia?' chiese il ragazzo e fu sorpreso quando l'artista scosse immediatamente la testa.

'No, ragazzo. Faccio parte di una banda. Non possiamo chiamare la polizia', ​​rispose Jerry. 'Ma vieni con me. Credo che uno dei miei amici andrà a Baltimora domani. Ti riporteremo a casa allora.'

Il ragazzo girò la testa per cercare di nuovo la sua insegnante e i suoi compagni di classe e sospirò perché se n'erano davvero andati. Come potrebbero lasciarmi? pensò tra sé. Alla fine, seguì l'artista in un'area sotto il ponte Theodore Roosevelt, dove si sarebbe riunita la banda di Jerry.

***

Di ritorno in hotel, la signora Collins si stava assicurando che tutti si comportassero bene durante la cena al ristorante quando uno dei ragazzi si avvicinò. 'Signora Collins, dov'è Michael? Non era sull'autobus.'

'Che cosa?' l'insegnante si raddrizzò sulla sedia e la sua bocca si abbassò.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

'Non vedo Michael da molto tempo', aggiunse la ragazza di quarta elementare, e alla fine la signora Collins si alzò. Andò in giro per il ristorante, chiedendo a tutti di Michael, ma nessuno dei ragazzi ne aveva idea. Si precipitò nelle stanze e scoprì che Michael era davvero scomparso.

Non aveva altra scelta che chiamare i genitori del ragazzo. Ovviamente, la madre di Michael è andata nel panico. 'Stiamo salendo in macchina ora! Per favore, trova il mio ragazzo!' si lamentò al telefono.

Dopo aver riattaccato, la signora Collins ha chiamato la polizia.

***

Jerry e Michael erano ancora in giro vicino al ponte quando era scesa la notte. 'Starò con te qui, ragazzo. La maggior parte di noi non ha una casa, quindi questo è il meglio che possiamo fare per ora. Ma Hunky ha detto che potremmo portarti a casa domani.'

Michele annuì. Si sedette sul freddo pavimento di cemento, abbracciandosi le ginocchia. Era rimasto coraggioso, ma alla fine era spaventato e solo. Tutti lì erano stati amichevoli con lui, ma si rese conto di quanto fosse stupido allontanarsi dal suo gruppo e parlare con uno sconosciuto. I suoi genitori avevano ragione e ha promesso di non farlo mai più.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Improvvisamente, luci rosse e blu illuminarono l'intera area. Il ragazzo era stato così preso dai suoi pensieri che non aveva sentito le assordanti sirene delle auto della polizia.

'Mani in alto! Voglio vedere le mani in alto!' gridò uno degli ufficiali, e tutti intorno a Michael alzarono le mani e si avviarono verso le macchine.

Jerry inarcò le sopracciglia verso Michael, facendogli cenno di fare lo stesso, così il ragazzo si alzò, alzò le mani e lo seguì. Avvicinandosi, vide che tutti i poliziotti stavano puntando le armi contro la banda.

'Lascia che il ragazzo venga da noi!' urlò uno dei poliziotti e Michael si rese conto che erano lì per lui e probabilmente pensò che la banda lo stesse tenendo in ostaggio.

Le sue mani si abbassarono. Invece di correre verso di loro, dove sapeva che sarebbe stato al sicuro, Michael si fermò di fronte agli altri membri della banda e parlò con la sua voce più alta possibile.

'Per favore! Sto bene! Abbassa le braccia! Non sono ferito! Sto bene!' urlò, ei poliziotti lo guardarono confusi. 'Per favore, credimi. Mi sono perso dal mio gruppo e tutti qui mi hanno tenuto al sicuro!'

Dopo un silenzio teso, uno degli agenti ha abbassato l'arma e ha deciso di avvicinarsi al ragazzo. Michael ha spiegato tutto meglio, raccontando al poliziotto come ha iniziato a dipingere con Jerry e ha notato in seguito che i suoi compagni di classe e l'insegnante erano spariti.

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Alla fine, il poliziotto ha chiamato i suoi colleghi e ha detto a Michael di salire sull'auto della polizia. L'alunno di quarta fece un cenno a Jerry e mormorò 'grazie' da lontano. Jerry annuì, sorrise e ricambiò il suo saluto.

I membri della banda sono tornati nell'area sotto il ponte e tutte le auto della polizia se ne sono andate. Riaccompagnarono Michael in albergo, dove la signora Collins lo avvolse in un enorme abbraccio.

Pochi minuti dopo arrivarono i suoi genitori e sua madre non lo lasciava andare. L'insegnante si è scusato con tutti per la sua negligenza, ma Michael ha detto che era colpa sua.

Alla fine, non importava perché tutti erano sani e salvi, ma i genitori di Michael decisero di portarlo a casa quella notte. La sua gita scolastica era finita.

Durante il viaggio in macchina verso casa, Michael raccontò ai suoi genitori tutto quello che era successo e come Jerry fosse stato amichevole con lui.

'Ok, tesoro. Ma fa parte di una gang. Ed è sempre meglio stare lontano da quelle persone per molte ragioni. Non conosci il loro passato e non conosci tutte le persone coinvolte. Jerry potrebbe essere una brava persona e Sono grata che ti abbia tenuto al sicuro, ma non voglio più sentire parlare di lui', spiegò gentilmente sua madre.

Il ragazzo annuì, ma dopo pochi minuti ebbe un'idea. 'Mamma, puoi iscrivermi a lezioni d'arte a casa?'

Si voltò per guardarlo dal sedile anteriore. 'Certo, tesoro. Ce la posso fare.'

  Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Solo a scopo illustrativo | Fonte: Pexel

Michele sorrise. Potrebbe non rivedere mai più Jerry e sapeva che sua madre aveva ragione. Ma potrebbe prendere delle lezioni. Jerry gli disse che aveva talento e forse aveva ragione. Michael voleva certamente vedere se poteva anche diventare un artista.

Cosa possiamo imparare da questa storia?

  • Mai giudicare un libro dalla copertina. Mentre Jerry ei suoi amici erano membri di una gang, hanno accolto Michael quando non aveva un posto dove andare. Ecco perché il ragazzo li ha difesi durante lo scontro con la polizia e ha allentato la tensione.
  • Le gite scolastiche hanno bisogno di più di un insegnante per supervisionare tutti i bambini. Sfortunatamente, una persona non basta per guardare un intero gruppo di ragazzi, soprattutto in una strana città. Ecco perché è sempre meglio avere più di un insegnante e possibilmente un genitore che lo accompagni.

Condividi questa storia con i tuoi amici. Potrebbe illuminare la loro giornata e ispirarli.

Se ti è piaciuta questa storia, potrebbe piacerti Questo su un ragazzino che ha nuotato a riva per trovare aiuto quando la barca della sua famiglia si è capovolta.

Questo pezzo è ispirato alle storie della vita quotidiana dei nostri lettori e scritto da uno scrittore professionista. Qualsiasi somiglianza con nomi o luoghi reali è puramente casuale. Tutte le immagini sono solo a scopo illustrativo. Condividi la tua storia con noi; forse cambierà la vita di qualcuno. Se desideri condividere la tua storia, inviala a info@vivacello.org.