Storie

Ralph Carter ha ora 58 anni: uno sguardo alla sua vita dopo 'Good Times'

L'attore Ralph Carter, meglio noto per il suo ruolo di Michael Evans nella sitcom degli anni '70 “Good Times”, è ora ritirato dai riflettori. Attualmente sta lavorando con un'organizzazione che onora il Black Theatre di New York.

Sono passati più di quattro decenni da quando Ralph Carter è diventato un'icona della televisione afroamericana nel ruolo di Michael, il figlio più giovane della famiglia Evans in 'Good Times'.



Ralph Carter on Steve Harvey

Ralph Carter nello show di Steve Harvey nel 2016 | Fonte: YouTube / Steve TV Show

Allora, Ralph era ancora un adolescente, ma Norman Lear - il produttore dello spettacolo - vide qualcosa di così unico in lui che gli diede la possibilità di condividere lo schermo con Esther Rolle e John Amos.

IL TEATRO È STATO IL SUO PRIMO AMORE



Sebbene 'Good Times' sia stato il debutto di Ralph in televisione, non era estraneo alla recitazione e all'essere sotto i riflettori. A 9 anni, ha fatto il suo debutto a Broadway nel musical 'The Me Nobody Knows'.

Carter è il vicepresidente e crede che sia importante per le persone sostenere il teatro locale e nero.

 Jimmie Walker, BernNadette Stanis, Janet Jackson and actor Ralph Carter present an award onstage at the 2006 BET Awards at the Shrine Auditorium on June 27, 2006 in Los Angeles, California | Photo: GettyImages

Jimmie Walker, Bernadette Stanis, Janet Jackson e l'attore Ralph Carter presentano un premio sul palco dei BET Awards 2006 allo Shrine Auditorium il 27 giugno 2006 a Los Angeles, California | Foto: GettyImages

Quindi, Carter ha continuato ad apparire in altre produzioni di Broadway come 'Tough to Get Help', 'Dude', 'Via Galactica' e 'Raisin', per i quali ha ottenuto una nomination al Tony Award come miglior attore non protagonista o protagonista in un musical nel 1974.



È stata la sua interpretazione in 'Raisin' nei panni di Travis Younger a catturare l'attenzione di Norman Lear, e alla fine ha acquistato l'intero contratto di Broadway di Ralph per poter essere nello spettacolo.

On Good Times (1974), L-R: Ralph Carter, BernNadette Stanis, Jimmie Walker, Esther Rolle, and John Amos. | Photo: Wikimedia Commons Images

On Good Times (1974), L-R: Ralph Carter, Bernadette Stanis, Jimmie Walker, Esther Rolle e John Amos. | Foto: Wikimedia Commons Images

QUELLI SONO I BUONI TEMPI

'Good Times' ha funzionato per sei episodi dal 1974 al 1979, ed è stata la prima serie a mostrare una famiglia di due genitori afroamericana che ha cresciuto i loro figli insieme.

Riflettendo su quei giorni, Carter di recente detto ABC 7 che ha avuto la fortuna di far parte non solo dell'esplosione del teatro afroamericano negli anni '70, ma anche di:

'Quell'ondata di coscienza e bellissime produzioni televisive che hanno caratterizzato artisti afroamericani.'

Portrait of the cast of the television show

Ritratto del cast del programma televisivo 'Good Times', Los Angeles, California, 29 settembre 1977 | Foto: GettyImages

'Sono molto grato per le persone che mi hanno insegnato lungo la strada' aggiunto, chiamando Norman Lear un genio.

Durante il suo periodo nella serie, Carter si interessò alla musica e pubblicò l'album 'When You Are Young and in Love' nel 1975.

Ha pubblicato due singoli, 'Extra Extra (Leggi tutto su di esso)' e 'When You Are Young And In Love', e è anche apparso su 'Soul Train' per promuovere l'album.

Carter è praticamente scomparso dalla TV per concentrarsi sulla sua famiglia.

È un padre di cinque figli di due diversi matrimoni, anche se ci sono poche informazioni sulla sua famiglia disponibili, poiché li ha tenuti lontani dai riflettori.

TORNA AI SUOI ​​RADICI

Dopo anni lontani dai riflettori, Carter ha ripreso a girare in TV negli ultimi anni.

Ralph Carter in an interview with Eyewitness News ABC7NY | Source: YouTube/Eyewitness News ABC7NY

Ralph Carter in un'intervista a Eyewitness News ABC7NY | Fonte: YouTube / Eyewitness News ABC7NY

Nel 2016, è entrato a far parte di John Amos, Bernadette Stanise Jimmie Walker per celebrare 'Good Times' e la sua longevità dopo 40 anni. Hanno fatto alcuni giri di stampa, incluso TV extra e lo spettacolo di Steve Harvey.

D'altra parte, Carter è ora il volto di Audelco (Audience Development Committee, Inc.), un'organizzazione creata negli anni '70 dall'attrice Vivian Robinson che onora il teatro nero nell'area dei tre stati.

Carter è il vicepresidente e crede che sia importante per le persone sostenere il teatro locale e nero non solo per gli attori, ma anche per il villaggio per far funzionare uno spettacolo.

'L'importanza non è solo celebrare l'attore nero e l'attrice nera', ha disse. E continua:

'Copriamo l'intero guanto di tutti quei talenti che si uniscono per rendere possibile una produzione'.

Ogni anno, AUDELCO ospita 'The VIV Awards' a riconoscere il lavoro di decine di persone nel teatro, offrono anche seminari, conferenze, forum e altre attività teatrali incentrate sulle giovani generazioni.